......................
Amministrazione
Trasparente
......................
 
Giuseppe Coco
Sociologo - economico
 
 
500 PAROLE  
...........................................

Flussi turistici e Mini Tav

La riqualificazione in Alta Velocità di Rete (AVR) della linea Roma - Ancona sarebbe una grande chance per i flussi turistici diretti in Umbria.
Nella precedente analisi - Alta Velocità di rete: potenziali impatti sull’economia umbra - abbiamo cercato di cogliere alcuni possibili trend innescabili, sia nel periodo della cantierizzazione e sia a regime, su occupazione e Pil.
 
Con il presente “Focus” il tentativo è provare a delineare i potenziali nuovi flussi turistici attivabili dall’infrastruttura una volta a regime. Una infrastruttura che - non va dimenticato - sarebbe di valenza sovranazionale in quanto in grado di mettere in comunicazione punti di riferimento strategici quali città turisticamente molto attrattive, porti, aree industriali, centri logistici.
Per fare questo ci affideremo alla meta-analisi integrata con un approccio di tipo analogico/qualitativo. Ma, prima di procedere è opportuno premettere che: “con AVR ci si riferisce a quelle linee tradizionali che grazie a delle migliorie raggiungono l’obiettivo sia dell’innalzamento della velocità a 200 km/h sulla maggior parte del tracciato e sia dell’aumento della capacità della rete a far transitare più treni”.

Possibili impatti sui flussi turistici
Valutare in modo preciso la portata che può avere in generale sullo sviluppo di un’area la realizzazione di un’infrastruttura non è affatto facile. E non è una questione collegata solo alle metodologie di ricerca utilizzate quanto alla complessità dei meccanismi che si innescano quando si va a modificare l’accessibilità ad un’area geografica. Ciò premesso però va sottolineato che in letteratura emerge con chiarezza che quando le infrastrutture di trasporto vengono ammodernate si trasformano in veri e propri driver dello sviluppo. Oltre al fatto che le reti agiscono direttamente sulla crescita delle destinazioni.

Il contesto umbro dove agirebbe l’Alta Velocità di Rete
L’opera prenderebbe vita in un territorio molto dotato sotto un profilo culturale, artistico, storico e ambientale. Un territorio molto attrattivo (si veda box sottostante) ma non frequentato dai turisti tanto quanto meriterebbe in quanto poco accessibile in tempi rapidi.

Destinazione Umbria: i potenziali nuovi flussi turistici
La nuova opera, andando ad aprire un corridoio ferroviario molto importante, renderebbe appetibile per Trenitalia e Italo attivare nuovi collegamenti in grado di unire con una certa frequenza, volendo fare un esempio, il Tirreno con l’Adriatico, la capitale del Sud, Napoli, con quella Veneta, Venezia.
A questo punto della riflessione cimentiamoci col costruire due ipotesi sul potenziale numero di viaggiatori che potrebbero utilizzare la tratta riqualificata e a cascata proviamo a fare una stima, seppur grossolana, dei possibili flussi di nuovi turisti che potrebbero decidere di essere ospiti del “Cuore Verde d’Italia”.

Ipotesi 1.
Ipotizziamo che Trenitalia, con le sue Frecce, e Italo decidano di attivare complessivamente nelle due direzioni 18 treni al giorno ovvero 9 coppie nella fascia oraria compresa tra le 6:00 e le 21:00. Stimiamo che su ogni treno viaggino mediamente 400 persone per un totale giornaliero di 8.000 ed annuale di circa 2,6 Mln. Di queste persone ipotizziamo che tra il 4% e il 7% siano ormai invogliate a visitare l’Umbria in quanto diventata decisamente più accessibile. Uno degli scenari possibili potrebbe essere:
Stando alle ipotesi fatte i nuovi turisti per l’Umbria potrebbero essere  compresi tra 104.000 e 182.000.

Ipotesi 2.
Ipotizziamo che Trenitalia, con le sue Frecce, e Italo decidano di attivare complessivamente nelle due direzioni 26 treni al giorno ovvero 13 coppie nella fascia oraria compresa tra le 6:00 e le 21:00. Stimiamo che su ogni treno viaggino mediamente 400 persone per un totale giornaliero di 10.400 ed annuale di circa 3,8 Mln. Di queste persone ipotizziamo che tra il 4% e il 7% siano ormai invogliate a visitare l’Umbria in quanto diventata decisamente più accessibile. Uno degli scenari possibili potrebbe essere:
Stando alle ipotesi fatte i nuovi turisti per l’Umbria potrebbero essere  compresi tra 152.000 e 266.000.

Al di là dei numeri che emergono dalle 2 ipotesi di studio riportate, trasformare in Alta Velocità di Rete la Roma-Ancona potrebbe avere senza dubbio un effetto davvero benefico sul turismo incoming.
Le reti - non dimentichiamolo - agiscono direttamente sullo sviluppo delle destinazioni e questo è tanto più vero quanto più le destinazioni sono molto attrattive proprio come l’Umbria.

Da qualche parte c’era scritto: “Se i treni passano i turisti arrivano”.
Ferrovie: la rete presente in Umbria
Cartina elaborata da Emanuele Pettini, informatico AUR
Note:
1) Per una riflessione su come i km di binari unici incidono sull’economia regionale si veda: Binari unici, economie lente.
2) L’Alta Velocità Salerno-Milano bypassa la regione ed in pratica non produce effetti significativi sul territorio.

 

©Agenzia Umbria Ricerche
23 luglio 2020

 
 
Ferrovie offline, economie pigre
Giuseppe Coco
Flussi turistici e Mini Tav
Giuseppe Coco
Alta Velocità di Rete: potenziali impatti sull’economia umbra
Giuseppe Coco
Il valore della ricerca
Donatella Tesei
Binari unici, economie lente
Giuseppe Coco
Immagini (di) Umbria
Giuseppe Coco
PIL, investimenti e punti interrogativi
Giuseppe Coco
L'Umbria nelle crisi
Giuseppe Coco
Il Pil, il brutto, il cattivo
Giuseppe Coco
Un altro 8 marzo
Giuseppe Coco
L'Umbria nel decanter
Giuseppe Coco
Investimenti: conosci te stesso
Giuseppe Coco
Regionalismo ed equità
Giuseppe Coco
Non tutti i festival sono uguali
Giuseppe Coco
La penombra del regionalismo
Giuseppe Coco
Next stop Roma e Firenze
Giuseppe Coco
233 secondi sulla ferrovia
Giuseppe Coco
Verde e francescana: le fondamenta di una narrazione
Giuseppe Coco

La ferrovia in Umbria
Giuseppe Coco

Le regioni in altalena
Giuseppe Coco