......................
Amministrazione
Trasparente
......................
 
Meri Ripalvella
Ricercatrice AUR
 
 
COVID-19  
...........................................

Cassa integrazione in deroga: i numeri umbri

Le misure del decreto “Cura Italia” (decreto legge 18/2020), rappresentano, secondo le intenzioni del Governo, un “primo necessario supporto economico ai cittadini e alle imprese che affrontano problemi di liquidità finanziaria a causa dell’emergenza sanitaria internazionale dichiarata dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e agli episodi di diffusione del virus verificatisi nel nostro Paese”.
 
Gli ammortizzatori sociali previsti dal provvedimento in questione a sostegno di imprese e lavoratori che si sono trovati costretti a sospendere - ovvero a ridurre - la propria attività produttiva per eventi connessi all'emergenza epidemiologica da COVID-19 sono: 1) Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) e assegno ordinario; 2) Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria per le aziende che si trovano in Cassa Integrazione Straordinaria; 3) Assegno ordinario del Fondo di Integrazione Salariale (FIS); 4) Assegno ordinario dei Fondi bilaterali (di cui all'articolo 26, DLgs 148/2015) e Fondi Trentino e Bolzano-Alto Adige; 5) Cassa Integrazione speciale per gli operai e gli impiegati a tempo indeterminato dipendenti da imprese agricole; 6) Cassa Integrazione in Deroga.
Il ricorso a tali misure da parte delle imprese è apparso, anche per l’Umbria, decisamente consistente. Infatti, dagli open data dell’Osservatorio sulla CIG di INPS si apprende che nella nostra Regione, nel solo mese di Aprile, sono state autorizzate oltre 13 milioni di ore con causale “emergenza sanitaria COVID-19”: il 73,6% afferenti alla cassa integrazione ordinaria, il 15,7% ai fondi di solidarietà e il restante 10,8% alla cassa integrazione in deroga. Per misurare l’eccezionalità del momento è sufficiente osservare i dati delle misure attivate nel 2012, anno in cui in Umbria si manifestano con maggiore intensità gli effetti della crisi economica e finanziaria evidenziatasi in Italia a partiredal2008. Ebbene, nei complessivi 12 mesi del 2012 il totale delle ore di CIG ammontava a poco più di 27 milioni di ore.
In questa sede analizzeremo i dati umbri, aggiornati alla data del 05/06/2020, sulla cassa integrazione in deroga pubblicati dall’Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro (ARPAL Umbria).
Secondo il decreto Cura Italia (1), infatti, spetta alle Regioni e alle Province autonome la possibilità di riconoscere trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo non superiore a nove settimane (2). Ad accedere alla CIGD sono i datori di lavoro del settore privato - inclusi quelli agricoli, della pesca e del terzo settore, compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti e con esclusione dei datori di lavoro domestici - per i quali non trovano applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario, in costanza di rapporto di lavoro (3).
La Regione Umbria ha raggiunto l’accordo quadro con le parti sociali il 23 marzo.
Il 24 marzo il Ministero del Lavoro e il Ministero dell’Economia hanno emanato il decreto di riparto delle risorse per le Regioni. Dei 1.293,2 milioni di euro previsti per la prima fase per l’intero territorio nazionale (3.293,2 milioni di euro è l’importo massimo stanziato per l’anno 2020), sono 20 milioni di euro quelli assegnati all’Umbria; il riparto delle risorse tra le regioni è stato effettuato sulla base della quota regionale del numero di lavoratori potenziali beneficiari dei trattamenti medesimi, come rilevati dall’INPS nei propri archivi, che ammontano a 40.439 unità per l’Umbria (l’1,55% del totale nazionale).
Nel periodo che va dal 1 di aprile al 5 giugno 2020, l’ARPAL ha istruito 10.599 pratiche: 9.247 delle quali hanno avuto esito positivo (l’87% del totale) mentre le rimanenti sono state rigettate (1.083, in valore assoluto) ovvero annullate (il solo 2,5% delle pratiche istruite).
Il rigetto dell’istanza – sanato, nella quasi totalità dei casi, con successivo rinvio - è avvenuto in oltre il 50% dei casi per motivi legati alla mancanza di documenti o di altri elementi necessari; gli annullamenti, invece, sono da attribuire in larghissima parte al diniego di INPS che, come esito di un ulteriore controllo (4), ha rilevato in ben 221 casi il ricorso dell’unità produttiva ad altri ammortizzatori sociali (CIGO, FIS…).
Poiché ogni unità produttiva poteva inviare anche più di una istanza (5), a patto che fosse rispettato il vincolo delle 9 settimane massime richieste per ciascuna di esse, le 9.247 domande autorizzate fanno capo a 8.337 unità produttive che rappresentano8.018aziende e interessano ben 22.359 lavoratori dipendenti, il 55% di quelli che secondo gli archivi INPS sarebbero i potenziali beneficiari di tale misura.
La distribuzione dei dipendenti autorizzati alla CIGD sul territorio regionale mostra una concentrazione nei comuni di maggiori dimensioni: il 37% di questi è impiegata in unità operative localizzate nei due capoluoghi di provincia (22% a Perugia e il 15% a Terni) e, in particolare, il 70% è occupato in unità con sede nei comuni sopra i 20.000 abitanti (tab. 1). Tale distribuzione è ovviamente correlata con quella dei dipendenti nelle unità locali - al crescere del numero dei dipendenti delle unità locali con sede nel comune, cresce il numero di lavoratori per cui è stata richiesta la CIGD - ma l’impatto della sospensione sulla forza lavoro impiegata nelle unità produttive dei comuni umbri evidenzia differenze non trascurabili. Considerando infatti la quota dei dipendenti autorizzati alla CIGD sul totale dei dipendenti delle unità locali con sede nei diversi comuni umbri, si osserva un ampissimo campo di variazione: se, infatti, tale quota non arriva al 10% in alcuni municipi, in altri supera il 50% (Scheggino, Gualdo Cattaneo, Parrano e Paciano). Il valore dell’indicatore che mediamente si attesta intorno al 14% per l’intera Regione, assume il suo valore minimo (12%) nei comuni con popolazione compresa tra 7.500 e 20.000 unità ed il massimo (17%) nei comuni piccolissimi (tab.1); sono 38 i Comuni, il 41% del totale, che si collocano al di sotto del valore medio umbro.
In media ogni unità produttiva ha chiesto l’autorizzazione alla CIGD per 3 dipendenti e per un numero di giorni pari a 59, quasi il massimo consentito. Delle 8.337 unità produttive autorizzate da ARPAL, il 94% ha richiesto l’accesso alla CIGD per un numero di dipendenti inferiore alle 5 unità, con valori che oscillano tra un minimo di uno ad un massimo di 371 lavoratori; vi sono richieste che fanno riferimento ad una sola settimana di sospensione (il mimino consentito), magari successivamente prolungata con rinvio di ulteriori istanze e altre che, da subito, hanno riguardato periodi più lunghi.
La CIGD è solo una delle misure utilizzate per far fronte alla crisi pandemica, e fornisce una fotografia parziale del complesso di ammortizzatori sociali previsti dal decreto cura Italia. Per un quadro esaustivo del fenomeno, sarebbe, infatti, interessante poter analizzare la distribuzione delle altre tipologie di aiuto a livello di singoli territori. Un dato del genere risulterebbe di particolare valore diagnostico e prognostico al fine di misurare il grado di resilienza delle diverse aree produttive umbre.

 
 
 

Note

(1) Recentemente, il governo, con il “Decreto Rilancio” (decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 recante “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”) ha concesso ulteriori 9 settimane di cassa integrazione: le prime 5 possono essere chieste solo da chi ha già terminato le 9 del Cura Italia e devono essere fruite entro il 31 agosto; le ultime 4 devono essere utilizzate a partire da settembre ed entro fine ottobre (nei settori turistici e fieristici si possono usare anche in continuità). Per questa nuova tranche ci sono delle novità anche nella gestione della procedura e dei pagamenti che dovrebbero essere semplificati e, quindi, più veloci.
(2) I periodi richiesti non possono essere antecedenti la data del 23.02.2020 e successivi al 30.06.2020 e sono da imputare alla singola unità locale/produttiva: quindi le 9 settimane non sono da intendersi per singolo lavoratore.
(3) Sono, quindi, esclusi i titolari di unità produttive rientranti nel campo di applicazione della CIGO, del FIS o dei Fondi di solidarietà, a meno che non abbiano accesso agli stessi in ragione delle specifiche normative che ne disciplinano l’operatività ovvero in ragione dell’esaurimento delle specifiche dotazioni finanziarie.
(4)
Il meccanismo di concessione non finisce con l’atto di approvazione di ARPAL ma prevede un ulteriore passaggio: l’agenzia regionale, infatti, deve inviare in modalità telematica tramite il “Sistema Informativo dei Percettori” (SIP), entro quarantotto ore dall’adozione, il decreto di concessione, unitamente alla lista dei beneficiari, la cui efficacia è, in ogni caso, subordinata alla verifica del rispetto dei limiti di spesa. Al superamento del limite di spesa, anche in via prospettica, le Regioni e le Province autonome non potranno emettere altri provvedimenti concessori. Onde evitare l’interruzione dei provvedimenti concessori, la regione Umbria - con DGR n.212 del 25/03/2020 - ha individuato delle ulteriori risorse da destinare alla copertura dell’eventuale sforamento, anche in via prospettica, del limite di spesa rispetto alle risorse che vengono attribuite all’Umbria.
INPS esegue anche un controllo volto a verificare che i datori di lavoro che richiedono la CIGD non abbiano già beneficiato di altri ammortizzatori sociali.
(5) Ogni unità produttiva, rientrante nel campo di applicazione della misura, poteva inviare più istanze: ad esempio, per prolungare il periodo di sospensione di lavoratori per i quali si era già avuta autorizzazione alla CIGD per un lasso di tempo inferiore a quello previsto dalla misura ovvero per richiedere l’inserimento in CIGD di ulteriori dipendenti non presenti nella domanda iniziale, sempre con il vincolo delle 9 settimane al massimo per singola unità produttiva. I casi presenti nella matrice di ARPAL non riguardavano pertanto le singole unità operative ma le istanze presentate che facevano a queste riferimento. Si è ritenuto quindi opportuno, al fine di evitare un conteggio duplicato di lavoratori autorizzati alla CIGD, rielaborare la matrice di ARPAL riconducendo diverse istanze a singole unità operative.

 

©Agenzia Umbria Ricerche
19 giugno 2020

 
 
Contrazione della domanda mondiale e riflessi sull’Umbria
Mauro Casavecchia
, Elisabetta Tondini  
L’Umbria “bella e sicura” alla prova dell’attrattività
Elisabetta Tondini, Mauro Casavecchia
 
Quanto sarà pesante la recessione in Umbria
Elisabetta Tondini, Mauro Casavecchia
 
I comportamenti degli italiani nella pandemia
Nicoletta Moretti
Cassa integrazione in deroga: i numeri umbri
Meri Ripalvella
Ci sarà ancora smartworking nel nostro futuro?
Enza Galluzzo
L’esposizione al rischio nella ripartenza per i lavoratori umbri
Mauro Casavecchia
, Elisabetta Tondini  
Blocco delle attività e prezzo da pagare in Umbria
Elisabetta Tondini, Mauro Casavecchia
 
L’impatto del coronavirus sulla mobilità degli umbri
Mauro Casavecchia
Smart working, non solo per l’emergenza sanitaria
Enza Galluzzo
Coronavirus: l’Umbria potrebbe perdere oltre un miliardo di euro
Elisabetta Tondini, Mauro Casavecchia
 
L’economia umbra al tempo del coronavirus
Elisabetta Tondini, Mauro Casavecchia