......................
Amministrazione
Trasparente
......................
 
                   
Mauro Casavecchia
Elisabetta Tondini
Sociologo
Economista
   
 
  GIOVANI  
 
...........................................

Un volo contro vento

Se è sempre difficile sintetizzare vicende di vita e profili identitari con numeri e formule, nel caso di questa ricerca sulla transizione alla vita adulta dei 18-34enni il compito si presenta ancora più arduo, anche perché repentini cambiamenti stanno attraversando la società e l’economia e i modi con cui i nostri giovani vi si stanno adattando sono in rapido movimento: essi, inconsapevolmente, stanno creando nuovi paradigmi sociali, e gli studiosi, armati di modelli di riferimento non più calzanti, faticano a tenere aggiornate le mappe interpretative di una realtà mutevole e in costante divenire.
La giovinezza sta uscendo con forza da precisi confini temporali, prolungandosi e permeando, a volte, l’intera vita e l’idea stessa della transizione dall’età giovanile all’età adulta ha perso gran parte della sua ragion d’essere.
Si studia più a lungo e l’ingresso nel mondo del lavoro risulta sempre più complicato; l’età media del primo matrimonio si sposta progressivamente in avanti, si diventa padri e madri sempre più tardi e si tende a contenere il numero delle nascite. La rottura della tradizionale linearità del modello di transizione verso l’età adulta, in cui le diverse fasi si succedono secondo un ordine prestabilito, rende il percorso evolutivo delle giovani generazioni inevitabilmente più sfumato di un tempo: la coesistenza, accanto a chi è dedito esclusivamente allo studio o al lavoro, di situazioni ibride e non ancora ben definite, fa apparire meno vincolante nel percorso di vita la classica scansione del “finisco di studiare, poi mi cerco un lavoro, quindi metto su famiglia”.
È questa nebulosa aleatorietà che rende assai difficile classificare i giovani adulti entro schemi ben definiti, vista la complessità e la eterogeneità delle storie individuali.
Il venir meno della fluidità dei percorsi di vita, imputabile alla lenta trasformazione socio-culturale, è un processo che la crisi degli ultimi anni ha accelerato, prefigurando uno scenario in cui risulta assai complicato immaginare e collocare il proprio futuro.
I percorsi di transizione risultano quasi individualizzati; non è raro che ruoli adulti si sovrappongano ad atteggiamenti e stili adolescenziali seguendo gli esiti, spesso subiti, di intrecci tra soluzioni abitative, situazioni familiari e opportunità lavorative.
È probabile che a molti dei giovani di oggi capiti di riarticolare e riadattare il proprio percorso in maniera non lineare e definitiva, in virtù di un contesto di riferimento più fumoso, più complesso, certo più ostile di un tempo, che li spinge a “navigare a vista”, a seconda delle esigenze del momento, assecondando scelte reversibili e seguendo progetti di medio termine.
(continua...)

 

©Agenzia Umbria Ricerche

 

 
 
I giovani, le giovani e il lavoro
Enza Galluzzo
Giovani e anziani, mai così distanti
Elisabetta Tondini
Premia investire nello studio?
Mauro Casavecchia
AAA giovani laureati cercasi
Mauro Casavecchia
Squilibri generazionali non più sostenibili
Elisabetta Tondini
Giovani e futuro: navigare a vista
Elisabetta Tondini - Mauro Casavecchia
Bambine e bambini nello spazio generazionale
Valerio Belotti
Azioni, interazione e benessere dei bambini
Elisabetta Tondini - Mauro Casavecchia
La danza delle negoziazioni in famiglia
Enza Galluzzo
Infanzia al centro
Stefano Strona
Un volo contro vento
Mauro Casavecchia - Elisabetta Tondini