......................
Amministrazione
Trasparente
......................
 
Beatrice Vergari
Giornalista professionista  
   
 
  GIOVANI  
 
...........................................

Generazione selfie e social news

In Italia quasi la metà della popolazione, 31 milioni, è attiva almeno su un social network. E stando ai dati elaborati su base Audiweb, dal portale Vincos.it, uno dei più aggiornati sul mondo dei social network, ci sono 24 milioni di utenti giornalieri su Facebook, mentre gli account totali, cioè tutte le persone che si sono iscritte ai social network, sarebbero 33 milioni (+2 milioni rispetto al 2016). Vale a dire che a fine giugno 2017, in Italia, il 97% di tutti coloro che sono attivi su Internet, era iscritto a Facebook. Tenendo conto anche dell’esistenza di account irregolari o persone con più profili (l’azienda li stima al 6%), la massa di persone raggiunta comunque non ha precedenti in Italia nel settore web. Per questo del servizio di rete sociale nato a Harvard nel 2004 sentirete parlare molto in seguito.
In Umbria, l’Audience Insight del social indica una base di 300 mila utenti attivi al mese, cui si aggiungono le pagine pubbliche. Un umbro su tre, quindi, è iscritto a Facebook. Un dato che descrive bene la forza del servizio di networking e lo stretto rapporto quotidiano tra utenti e piattaforma.
L’accesso avviene soprattutto da rete mobile, sulla spinta di motivazioni quali comunicazione, svago e informazione. Per rendere il quadro ancora più chiaro, va detto che oggi il 53% degli utenti ha più di 35 anni. Cala del 5% nell’ultimo anno - stando alle elaborazioni di Vincos.it - la fascia dei giovani fino ai 18 anni e Facebook si conferma così la rete sociale più “anziana”. Il secondo social più utilizzato in Italia è You Tube con 23,8 milioni di utenti e Instragram con poco più di 11 milioni.

Graf. 1 - Utilizzo dei social network in Italia
L’indagine di Audiweb del giugno 2017 indica poi che il tempo medio trascorso on line per persona durante il giorno è di 2 ore e 29 minuti (2 ore e 53 minuti nella fascia tra 18 e 24 anni), con preferenza per i siti e i motori di ricerca (93.6%), i portali generalisti (90.4%), servizi e strumenti on line (87.2%) e, infine, i social network (86.4%). Su Facebook il tempo è di 50 minuti al giorno, un terzo del tempo totale, e il dato è spaventosamente significativo.
Quest’introduzione per spiegare con i dati, se ce ne fosse bisogno, quanto la nostra vita quotidiana sia digitale. Tra i più giovani Facebook, ad esempio, si colloca al primo posto come strumento per informarsi (71.1%). E indagini abbastanza recenti indicano che il 59% degli italiani controlla il cellulare fino a 200 volte al giorno3. Una generazione “selfie” che ha un legame nuovo e, per certi versi, tutto da decifrare con un oggetto che non è più un telefono, ma è un accesso al mondo.
(continua...) 

©Agenzia Umbria Ricerche

 
I giovani, le giovani e il lavoro
Enza Galluzzo
Giovani e anziani, mai così distanti
Elisabetta Tondini
Premia investire nello studio?
Mauro Casavecchia
AAA giovani laureati cercasi
Mauro Casavecchia
Squilibri generazionali non più sostenibili
Elisabetta Tondini
Giovani e futuro: navigare a vista
Elisabetta Tondini - Mauro Casavecchia
Essere giovani in un presente liquido
Marco Pizzi
Bambine e bambini nello spazio generazionale
Valerio Belotti
Azioni, interazione e benessere dei bambini
Elisabetta Tondini - Mauro Casavecchia
La danza delle negoziazioni in famiglia
Enza Galluzzo
Infanzia al centro
Stefano Strona
Generazione selfie e social news
Beatrice Vergari
Un volo contro vento
Mauro Casavecchia - Elisabetta Tondini